decorational arrow Vivere con l’obesità | 3 min. tempo di lettura

I consigli di Bjarne sull’obesità e sull’isolamento da COVID-19: routine, abbracci virtuali e torte a sorpresa davanti alla porta degli amici

Per me, vivere con l’obesità è sempre una lotta, ma durante l'isolamento (lockdown) si deve rimanere a casa, quindi può essere più difficile che mai. Stravolgere le mie abitudini quotidiane non è mai una cosa buona per me, perché mi mette a “maggior rischio” di mangiare fuori pasto. Cerco quindi di mantenere la mia routine quotidiana il più normale possibile.

Far finta di andare al lavoro

Per me questo significa che quando mi sveglio al mattino, non mi limito a indossare abiti comodi e adatti al relax. No, mi faccio un bagno, mi vesto e faccio una colazione salutare, come se dovessi andare a lavorare. E poi, invece di uscire, vado nel mio ufficio domestico e lavoro da casa. Anche se non c’è così tanto lavoro, cerco comunque di lavorare per un’intera giornata, anche se magari la pausa caffè e il pranzo durano un paio di minuti in più del normale, e navigo su Internet un po’ più del solito. Per me è importante non perdere la mia routine lavorativa, perché mantenerla mi facilita nel seguire le altre abitudini senza sgarrare.

Man wearing glasses looking to the right.

"Per me è importante non perdere la mia routine lavorativa, perché mantenerla mi facilita nel seguire le altre abitudini senza sgarrare."

-Bjarne Lynderup

Però lavorare da casa significa anche avere un accesso più facile al frigorifero e alla dispensa. E per me, che convivo con l’obesità, è una trappola da evitare assolutamente. Cerco quindi di tenere frutta e noci a portata di mano in modo da non mangiare “schifezze”, e di mangiare ogni giorno alla stessa ora per evitare spuntini inutili. Ma devo ammettere che questa è una sfida, perché tendo a mangiucchiare un po’ più del normale. Nonostante ciò sia un problema, per me la cosa peggiore durante l’isolamento non è questa.

La parte più difficile

Una delle cose più difficili è non avere la possibilità di raggiungere il centro fitness locale, e non poter fare camminate. In questo momento non posso andare in palestra, e ciò è un male per la mia salute perché sto perdendo forza e perché influisce anche sul mio umore. Ero in un buon periodo di allenamenti regolari in palestra, e so che sarà una sfida tornare a raggiungere quel livello quando potrò tornare di nuovo in palestra. Posso fare esercizio a casa, ma adoro stare nel centro fitness locale insieme ad altre persone, quindi non vedo l’ora di tornarci.

Man with a serious look on his face, looking right.

"Un’altra cosa che mi manca è visitare amici e familiari. Non vedo mio figlio di dieci anni da un po’ di tempo, e sembra che passerà altro tempo prima di poterlo vedere di nuovo."

-Bjarne Lynderup

Connettiti online e sorprendi i tuoi amici

Un’altra cosa che mi manca è visitare amici e familiari. Non vedo mio figlio di dieci anni da un po’ di tempo, e sembra che passerà altro tempo prima di poterlo vedere di nuovo. E questo mi pesa davvero molto. Però parliamo al telefono, su Skype e via messaggi. Non vedo altri familiari e amici dell'isolamento del blocco, ma restiamo in contatto al telefono. Per affrontare meglio questa mancanza, ho sfornato dei dolci per i miei amici e poi li ho lasciati davanti alle loro porte. Per me questo è stato un modo per affrontare il fatto che mi manca passare del tempo con loro. Quindi, una delle prime cose che farò dopo l’isolamento sarà vedere amici e familiari.

Man kneading a dough with flour flying around.

"Per affrontare meglio questa mancanza, ho sfornato dei dolci per i miei amici e poi li ho lasciati davanti alle loro porte."

-Bjarne Lynderup

Mantenersi emotivamente stabili

Dato che convivo con l’obesità da più di tre decenni, so che devo cercare di rimanere emotivamente stabile perché ho la tendenza a collegare il cibo alle emozioni, quindi avere un umore più altalenante del solito è un problema. Per affrontare il problema, cerco di trovare nuove abitudini che mi rendano felice e mi facciano concentrare su altre cose rispetto a quelle che sono fuori dal mio controllo. Per esempio, approfittando dell’isolamento, cerco di concentrarmi sulle mie abitudini riguardanti il sonno, che, a causa dell’apnea notturna, non erano così buone. Ho quindi adottato alcune nuove abitudini che mi sembrano utili. Ogni mattina la mia sveglia suona alle 7:00, più tardi del normale ma comunque alla stessa ora ogni giorno. Apro le finestre della mia camera da letto per un paio d’ore per arieggiare bene la stanza. La sera mangio solo ciò che basta per non avere più fame, poi vado a letto quando sono stanco e non in un momento specifico. Ora dormo quasi un’ora in più ogni notte, il che è ottimo. Lo so che avrei dovuto farlo molto tempo fa, ma l’ho fatto solo ora approfittando dell'isolamento.

Man carrying a cardboard box out his house.

"Per affrontare il problema, cerco di trovare nuove abitudini che mi rendano felice e mi facciano concentrare su altre cose rispetto a quelle che sono fuori dal mio controllo."

-Bjarne Lynderup

La nuova normalità e gli abbracci virtuali

È abbastanza interessante come uno stato di isolamento come questo sembri diventare facilmente un nuovo tipo di normalità. La prima settimana stavo cercando di adattarmi senza riuscire a trovare un metodo per abituarmi, ma ora mi comporto in un altro modo, e mi riesce facile. Mentre facevo la spesa durante la prima settimana, i clienti sembravano stressati, alcuni quasi nel panico. Oggi è naturale per me lavarmi le mani al supermercato, non stare vicino agli altri quando sto in fila, prendere precauzioni per non tossire o starnutire vicino ad altre persone. In un certo senso, adattarmi è stato più facile di quanto pensassi. E questa è una delle cose che dobbiamo tenere a mente dopo l'isolamento.

Smiling man standing inside, looking out the window.

"Durante l’isolamento, è ancora più importante pensare a chi potrebbe avere bisogno di un abbraccio virtuale e di incoraggiamento."

-Bjarne Lynderup

In generale, credo che dobbiamo aiutarci l’uno con l’altro, soprattutto se conosciamo qualcuno che ha difficoltà con gli impegni sociali. Ma durante l’isolamento, è ancora più importante pensare a chi potrebbe avere bisogno di un abbraccio virtuale e di incoraggiamento. Anche senza isolamento vivere con l’obesità può essere socialmente impegnativo, e adesso c’è il rischio che lo diventi ancora di più. Quindi, credo sia importante rimanere in contatto, aiutandoci reciprocamente a superare questa crisi.

Insieme siamo più forti

In questo senso i social media sono per me una fonte di ispirazione, e una delle cose stimolanti a cui ho assistito ieri sera sono stati alcuni miei amici che si allenavano insieme in casa via Skype. Penso che sia stata un’idea brillante e davvero fattibile da copiare per chiunque. Perché non organizzi incontri via Skype dove puoi parlare, ridere e divertirti? O magari sorseggiare una tazza di caffè, guardare un film o leggere un libro insieme. Prendersi cura degli altri anche durante il blocco è una cosa importante.

Woman making a heart gesture with her hands towards a video call with a young girl.

"Perché non organizzi incontri via Skype dove puoi parlare, ridere e divertirti?"

-Bjarne Lynderup

Guardando tutto ciò che accade al momento con il coronavirus, sembra che ora apprezziamo lo stare insieme più che mai. Cantare insieme al balcone, applaudire il personale sanitario, fare sport su Skype e molto altro ancora ci fa rivalutare l’importanza di stare insieme, e questo è meraviglioso. Spero davvero che questo possa continuare, e spero che ci sia anche spazio per la solidarietà con le persone che convivono con l’obesità o con qualsiasi altra malattia che viene solitamente stigmatizzata, permettendoci di far parte di quelli di cui ci prendiamo cura.

La mia speranza è che tutti, soprattutto chi di voi convive con l’obesità come me, facciano il possibile per mangiare in modo sano, allenarsi a casa e socializzare con amici e familiari sui social media. In questo modo resisteremo fino a quando tutto tornerà alla normalità dopo il coronavirus.

Insieme siamo più forti.

Articoli correlati

Obesità e COVID-19: Stai al sicuro e rimani in contatto
decorational arrow Pandemia | 3 min. tempo di lettura

Obesità e COVID-19: Stai al sicuro e rimani in contatto

Nelle ultime settimane, il mondo è stato colpito dalla diffusione globale del coronavirus (COVID-19). A milioni di persone è stato chiesto di rimanere a casa, spesso senza essere in grado di vedere familiari e amici.