decorational arrow Trattamenti | 2 min. tempo di lettura

Opzioni di gestione del peso scientificamente dimostrate

Che si tratti di terapia comportamentale, farmaci anti-obesità o chirurgia bariatrica, esistono diversi modi per trattare l’obesità. Un operatore sanitario qualificato può aiutare a definire un piano di gestione del peso specifico per te, combinando trattamenti diversi che agiscono in modi diversi.

L’obesità è una malattia complessa con molte cause. Ecco perché, secondo il Professor Arya Sharma: “Non esiste un’unica strategia di gestione efficace per tutti i pazienti”. È il direttore scientifico di Obesity Canada e un medico che negli ultimi 20 anni si è specializzato nel trattamento dell’obesità.

“Qualsiasi piano di gestione efficace prevede strategie di gestione a lungo termine che aiutano i pazienti a ridurre il peso corporeo ed evitare di riprenderlo”, aggiunge. Le persone affette da obesità hanno dunque bisogno di un piano terapeutico personalizzato, pensato appositamente per loro.

Il piano potrebbe prevedere diverse opzioni di trattamento. E man mano che si procede nel percorso di gestione del peso, diversi tipi di trattamento potrebbero acquisire più o meno rilevanza. Per questo motivo, il piano di gestione del peso dovrebbe essere adattato alle tue esigenze e può evolversi nel tempo.

Il primo passo è trovare un operatore sanitario che abbia acquisito esperienza nella gestione dell’obesità. Sempre più operatori sanitari comprendono quelle che sono le basi scientifiche della malattia e come trattarla in modo efficace, quindi non arrenderti se ci vuole del tempo per trovarne uno. Se hai dubbi su come avviare una conversazione, questa guida può darti un’idea di come farlo.

L’obesità è una malattia complessa con molte cause e non esiste un unico approccio terapeutico che risulti efficace per tutti.

-Freedhoff Y. & Sharma A.M. Best Weight, A practical guide to office-based obesity management, Canadian Obesity Network 2010

Diamo uno sguardo ad alcune delle opzioni di trattamento scientificamente dimostrate che gli operatori sanitari hanno a disposizione.*

Alimentazione sana - Capire "Come" e "Perché" quando si parla del proprio rapporto con il cibo

Dimentica la dieta miracolosa. Quando si parla di obesità, cambiare il modo di mangiare non significa soltanto consumare meno calorie con qualsiasi mezzo necessario. Piuttosto, per sviluppare un piano di gestione del peso personalizzato, il tuo medico prenderà in considerazione le tue abitudini alimentari.

Ad esempio, valuterà se esiste un momento specifico della giornata in cui sei più a rischio di mangiare troppo o consumare cibi poco sani.

Dove mangi di solito? Mangi quando ti senti stanco, stressato o triste? E come vivi la sensazione di sazietà dopo un pasto? Queste domande forniscono tutte indizi utili per aiutarti ad acquisire un rapporto piú sostenibile con il cibo.

Più attività fisica

Non bisogna correre una maratona ogni giorno. Per iniziare, aggiungere un po’ di movimento in più nella vita quotidiana può significare molto. Se rimani seduto a lungo durante il giorno, alzarti e muoverti per qualche minuto ogni ora può fare la differenza. Lo stesso vale se vai a fare shopping a piedi o se fai le scale, quando possibile.

Ciò che conta è mantenerti fisicamente attivo facendo cose che ti piacciono ogni giorno. L’obiettivo è 150 minuti di attività fisica a settimana. Tale obiettivo deve essere perseguito passo dopo passo aggiungendo gradualmente nuove attività abitudinarie nella tua vita che ti piace svolgere e che sei in grado di portare avanti nel tempo.

Terapia comportamentale

Il corpo e la mente sono strettamente connessi. I terapisti comportamentali si occupano degli aspetti psicologici della gestione del peso, aiutando a identificare modelli di pensiero, emozioni e comportamenti responsabili, ad esempio, del consumo di cibo e del conseguente aumento di peso. Questi potrebbero essere porzioni grandi e/o spuntini frequenti e/o mangiare/bere quando non si ha fame.

L’obiettivo è contribuire all’acquisizione di competenze che consentano di alterare queste abitudini e favorire il mantenimento a lungo termine della perdita di peso e il miglioramento delle condizioni di salute.

Pasti sostitutivi/Dieta ipocalorica

I pasti sostitutivi sono prodotti a contenuto calorico controllato che contengono nutrienti essenziali, vitamine e minerali. I pasti sostitutivi sono solitamente ricchi di proteine e poveri di grassi e carboidrati.

I pasti sostitutivi possono far parte di un piano dietetico sottoposto a supervisione medica che prevede la sostituzione di uno o più pasti ogni giorno con alimenti o formulazioni che forniscono un determinato numero di calorie, ad esempio tra 800 e 1.200 calorie al giorno.

Farmaci anti-obesità

Così come non possiamo controllare la temperatura corporea con la forza di pensiero, non possiamo neanche controllare in maniera consapevole alcuni dei processi biologici che influenzano l’appetito. È qui che intervengono i farmaci anti-obesità, agendo su questi diversi processi biologici.

Farmaci diversi agiscono in modi diversi. Alcuni farmaci anti-obesità aiutano a regolare l’appetito e a ridurre le porzioni di cibo. Questo contribuisce a mangiare meno e rende più facile modificare lo stile di vita.

I farmaci anti-obesità possono anche aiutare a prevenire il riacquisto di peso gestendo le risposte biologiche dell’organismo alla perdita di peso, come ad esempio il continuo aumento della fame. Altri farmaci aiutano a perdere peso alterando il modo in cui il corpo assorbe il cibo. Ad esempio, riducendo la quantità di grassi assorbiti dal corpo.

Chirurgia bariatrica

In generale, questi interventi riducono l’appetito e la quantità di cibo che una persona è in grado di ingerire senza problemi durante un unico pasto. È stato dimostrato che apportano cambiamenti metabolici e ormonali, che svolgono un ruolo importante nella regolazione del peso. I cambiamenti ormonali che si verificano hanno la funzione di prevenire il riacquisto di peso.

Individuare trattamenti efficaci

Il medico aiuterà a definire un piano di gestione del peso personalizzato, ma non è in grado di prevedere la risposta ai diversi trattamenti consigliati. Siamo tutti diversi, e questo significa che anche la nostra risposta ai trattamenti sarà molto individuale.

È per questo motivo che il medico può regolare il piano di gestione del peso strada facendo, a seconda della risposta dell’organismo e delle esigenze sanitarie.

Il plateau di peso

Indipendentemente dagli approcci terapeutici previsti dal piano di gestione del peso, a un certo punto la perdita di peso si arresta e si stabilizza. Questo fenomeno è noto come “plateau di peso”. È una parte inevitabile del percorso di gestione del peso che può portare a frustrazione e sconforto.

Tuttavia, il plateau di peso è il risultato di adattamenti naturali alla perdita di peso (in termini evolutivi, la perdita di peso non è buona per la sopravvivenza e la riproduzione). Pertanto, l’organismo risponde a questa situazione aumentando gradualmente e spesso inconsciamente l’assunzione di cibo, oltre che rallentando il dispendio energetico. Alcuni studi hanno dimostrato che questo meccanismo può durare per anni. Non c’è da stupirsi che, a lungo andare, 8 persone su 10 finiscano per recuperare il peso perso. Questa è un’ulteriore dimostrazione di come, nonostante le nostre migliori intenzioni, la biologia spesso metta in atto il suo piano di selezione naturale creato da milioni di anni.

Le persone che manifestano il plateau di peso spesso esclamano: “Che senso ha? Non funziona più!” oppure “Sono a punto fermo. Visto che i miei sforzi non producono più risultati, tanto vale smettere”.

Tuttavia, ciò di cui spesso non ci rendiamo conto è che mantenere la perdita di peso rappresenta un impegno altrettanto gravoso e una grande conquista considerate tutte le forze in gioco. È per questo che molti medici suggeriscono che i plateau di peso debbano essere festeggiati.

Senza tralasciare il fatto che i trattamenti a cui ti sei sottoposto potrebbero comunque continuare ad agire dietro le quinte per “domare” il ruggito della biologia, anche se sulla bilancia non vedi risultati incoraggianti. E se invece la perdita di peso che hai ottenuto non fosse sufficiente per vedere i miglioramenti sperati in termini di salute o qualità della vita? Beh, dovresti essere altrettanto fiero degli sforzi e della determinazione che hai investito per arrivare dove sei oggi. Continua su questa strada e fissa un appuntamento con il medico per rivedere il tuo piano di gestione del peso, al fine di valutare se l’approccio terapeutico debba essere intensificato o regolato.

* Alcuni trattamenti possono causare effetti collaterali. Queste informazioni non devono essere intese come consigli o raccomandazioni sul trattamento. Consulta sempre il tuo operatore sanitario per una consulenza sul trattamento.

Bibliografia
  • Puhl RM & Heuer CA. Obesity Stigma: Important Considerations for Public Health. American Journal of Public Health 2010; 100:6:1019-1028.
  • Freedhoff Y. & Sharma A.M. Best Weight – A practical guide to office-based obesity management. Canadian Obesity Network 2010.
  • Wadden TA et al. Overview of the Treatment of Obesity in Adults. In: Thomas A. Wadden & George A. Bray (eds.). Handbook of Obesity Treatment. New York: Guilford Press 2018;283-308.
  • Kushner RF & Kahan S. The Emerging Field of Obesity Medicine. In: Thomas A. Wadden & George A. Bray (eds.). Handbook of Obesity Treatment. New York: Guilford Press 2018;413-452.
  • Berthoud H, Münzberg H., & Morrison, C.D. Blaming the brain for obesity. Gastroenterology 2017;152(7):1728-1738.
  • American Association of Clinical Endocrinologists. Empower your health: Guide to physical activity: https://www.empoweryourhealth.org/sites/all/files/EmPower-Physical-Activity-Guide.pdf [Ultimo accesso: luglio 2019].
  • Gomez-Rubalcava S, Stabbert K & Phelan S. Behavioral Treatment of Obesity. In: Thomas A Wadden & George A Bray (eds.). Handbook of Obesity Treatment. New York: Guilford Press 2018.
  • Forman E & Butryn M. Effective Weight Loss: An Acceptance-Based Behavioral Approach - Treatments That Work (Workbook Ed.). New York: Oxford University Press 2016.
  • Butryn ML, Webb V & Wadden TA. Behavioral treatment of obesity. Psychiatric Clinics 2011; 34(4):841-859.
  • Li M & Cheung BMY. Pharmacotherapy for obesity. British Journal of Clinical. Pharmacology 2009; 68:804–810.
  • Stefanidis A & Oldfield BJ. Neuroendocrine mechanisms underlying bariatric surgery: Insights from human studies and animal models. Journal of Neuroendocrinology 2017; 29:e12534.
  • Schmidt JB et al. Effects of RYGB on energy expenditure, appetite and glycaemic control: a randomized controlled clinical trial. International Journal of Obesity 2016; 40:281–290.
  • Xulong S et al. From Genetics and Epigenetics to Precision treatment of obesity: Gastroenterology Report 2017; 5(4):266–270.
  • Vanwormer FM et al. Weight-Loss Outcomes: A Systematic Review and Meta-Analysis of Weight-Loss Clinical Trials with a Minimum 1-Year Follow-Up. J Am Diet Assoc. 2007. 107:1755-1767.
  • Rosenbaum M et al. Long-term persistence of adaptive thermogenesis in subjects who have maintained a reduced body weight. Am J Clin Nutr. 2008; 88:906–912.
  • Schwartz A & Doucet É. Relative changes in resting energy expenditure during weight loss: a systematic review. Obesity Reviews. 2010; 11:531–547.
  • Hall KD & Kahan S. Maintenance of lost weight and long-term management of obesity. Medical Clinics of North America 2018; 102(1):183-197.
  • Tsai AG & Wadden TA. Treatment of Obesity in Primary Care. In: Thomas A Wadden & George A Bray (eds.). Handbook of Obesity Treatment. New York: Guilford Press 2018; 453-465.

Articoli correlati

Qual è il tuo indice di massa corporea (IMC)?
decorational arrow Strumenti | 5 min. tempo di lettura

Qual è il tuo indice di massa corporea (IMC)?

L’indice di massa corporea (IMC) è un numero che viene calcolato utilizzando il peso e l’altezza. Non è un calcolo preciso della percentuale di grasso corporeo, ma è un modo semplice per determinare dove ricade il peso nell’intervallo compreso tra una situazione salutare e una non salutare.

Parliamone: 10 domande da porre al medico
decorational arrow Consigli | 5 min. tempo di lettura

Parliamone: 10 domande da porre al medico

Queste dieci domande possono aiutare ad avviare un dialogo e muovere i primi passi verso la conoscenza delle opzioni di trattamento disponibili per la gestione del peso.

Collabora con il medico e prepara un piano
decorational arrow Consigli | 5 min. tempo di lettura

Collabora con il medico e prepara un piano

L’obesità è una malattia complessa, ma il suo trattamento non deve esserlo. Gli operatori sanitari qualificati possiedono la conoscenza e gli strumenti necessari per creare un piano terapeutico adatto a te.