Go to the page content
Storie per orientare | 4 min. tempo di lettura

Mantenimento del peso: dopo lo sprint, la maratona

Se paragonassimo la lotta contro i chili di troppo a una gara sportiva, il dimagrimento sarebbe lo sprint iniziale: una corsa di breve distanza, seppur a ostacoli. Il mantenimento, invece, sarebbe più simile a una maratona, un percorso più lungo ma altrettanto impegnativo, che, rispetto alle gare di velocità, comporta una visione di lungo periodo e un allenamento specifico e costante.

Le persone con obesità sanno bene che la lotta ai chili di troppo è un percorso duro e complesso, che richiede tempo, costanza e pazienza. Non solo, infatti, devono affrontare le tante difficoltà legate alla perdita del peso, ma a queste si aggiungono quelle relative al mantenimento della nuova condizione conquistata con tanti sacrifici e fatica. 

Il mantenimento del peso dopo un dimagrimento è di fondamentale importanza per conservare anche i tanti benefici per la salute ottenuti con la perdita di chili di troppo, dalla riduzione dei rischi cardiovascolare e metabolico ai valori ematici come colesterolo Ldl e trigliceridi. Ma è un processo attivo, a cui vanno dedicate attenzioni costanti, proprio come avviene per la perdita di peso, anche affidandosi al supporto degli specialisti per essere seguiti passo dopo passo.

donna-si-allena

Mantenere il peso raggiunto è una fase importante della strategia di dimagrimento perché permette di tenere sotto controllo alcuni parametri ematici che, a fronte di un nuovo aumento di peso, potrebbero peggiorare, tornando ai livelli precedenti.

Le strategie per il mantenimento del peso

Mantenere il peso raggiunto, è, quindi, una fase importantissima del percorso di dimagrimento. Questo obiettivo, anche se non è accompagnato da un traguardo preciso, e possa quindi dare luogo a più frequenti “distrazioni”, richiede invece di rimanere focalizzati e vigili, al fine di non vanificare gli sforzi precedentemente affrontati.

Da tenere sotto controllo, prima di tutto, è lo stile di vita. Fondamentale nella perdita di peso, lo stile di vita gioca un ruolo cruciale anche nel mantenimento. Un’analisi svolta su un campione di persone iscritte al Registro Nazionale del controllo del peso statunitense, per esempio, ha evidenziato alcune buone abitudini comuni in chi ha perso in media 30 kg, riuscendo a mantenere il peso per almeno 5 anni e mezzo: fare colazione tutti i giorni, svolgere regolarmente attività fisica (in media 1 ora al giorno, soprattutto di camminata), seguire - naturalmente - una dieta a ridotto apporto di grassi e calorie, limitare il consumo di bevande zuccherate, auto monitorare il proprio apporto alimentare e trascorrere poco tempo (meno di 10 ore alla settimana) davanti alla televisione.

Il mantenimento del peso nel lungo termine richiede un radicale intervento sul proprio stile di vita. E, se questo non bastasse, a causa di meccanismi compensatori che tendono a riportare al peso originario, può intervenire la terapia farmacologica a supporto.

donna-medita

Se lo stile di vita non basta

A volte, però, dieta e attività fisica, seppure accompagnate da una volontà di ferro, possono non bastare. Quando si perde peso, a un nuovo incremento del peso corporeo possono contribuire fattori genetici che innescano nell’organismo meccanismi compensatori che “lavorano” per riportare la persona al peso corporeo originale, aumentando lo stimolo della fame, modificando i livelli degli ormoni legati all’appetito e favorendo un accumulo di energia. Opporsi a questi adattamenti fisiologici può essere difficile. Per questo è importante non affrontare tutto da soli, ma affidarsi allo specialista che valuterà anche l’opportunità di prescrivere eventuali terapie di supporto, come la terapia farmacologica, che può rivelarsi un valido alleato in un percorso a lungo termine di mantenimento del peso.

Mantenere il peso faticosamente raggiunto è una sfida quotidiana, un processo attivo che richiede attenzioni costanti e che risulta più facile se affrontato con il supporto degli specialisti.

Per approfondire

- Soleymani, Daniel, Garvey “Weight maintenance: challenges, tools and strategies for primary care physicians”, Obesity Reviews, 2015

- The National Weight Control Registry (nwcr.ws)

Articoli correlati

Perdere peso: trovare la motivazione e innescare il cambiamento
Storie per orientare | 5 min. tempo di lettura

Perdere peso: trovare la motivazione e innescare il cambiamento

Il cambiamento passa attraverso diverse fasi: dalla presa di coscienza della necessità di cambiare al cambiamento vero e proprio. È un percorso non semplice, che può comportare indecisioni e ricadute ma, se fatto con la giusta motivazione, può portare al raggiungimento dei risultati desiderati.